Home / Uncategorized / “Napoli non è Italia, è come Beirut!” Così Facci commenta l’ultima infame sparatoria in pieno centro

“Napoli non è Italia, è come Beirut!” Così Facci commenta l’ultima infame sparatoria in pieno centro

Da “la Zanzara – Radio24”

“Napoli non è in Italia. E’ una realtà a parte e come tale va gestita, come fosse un posto diverso, regole diverse e consapevolezze diverse. Che non ci decidiamo ad ammettere”. Lo dice Filippo Facci, giornalista, a La Zanzara su Radio 24, parlamdo del caso della piccola Noemi ferita dopo una sparatoria tra bande. “Ho anche una querela dalla città di Napoli – dice Facci – per aver detto certe cose. I napoletani sono una diversità nel Paese. Stiamo parlando ovviamente di generalizzazioni, il mondo è tutto una generalizzazione. E’ chiaro che non sto parlando delle brave persone e dei signori che ci sono a Napoli”.

“I clan – dice ancora Facci – sono a Napoli e non a Bolzano. Non a caso. Ci sono cause storiche, d’accordo. Ma anche una realtà. E i napoletani non vogliono ammettere una diversità evidentissima della città di Napoli in Europa e nel mondo. Tutto è a parte, soprattutto le cose palesi che vengono trattate come normalità”.

Poi attacca Saviano: “Ho cambiato idea su di lui. Gomorra ha riqualificato l’immagine della camorra, non ci sono dubbi. Io ho sempre difeso Saviano e non ho mai messo in relazione Gomorra e il successo televisivo della serie con la rinascita, soprattutto tra i bambini, del mito della camorra. Ma ormai è un problema risolto, è così. Se parli con le forze dell’ordine, con i  magistrati, gli avvocati, ti dicono tutti la stessa cosa.

A negarlo è rimasto solo lui. Ti assicuro che non sono originaloide. Sto dicendo una cosa che a Napoli, negli ambienti che contano, considerano assolutamente assodata. Sono state fatte indagine sociologiche su questo”.  Poi torna su Napoli: “C’è una rassegnazione, un fatalismo, che non servono. E poi è sempre la colpa di qualcun altro. Del Nord, del clima, del caldo. Deve venire uno da fuori per risolvere le cose. Come avvenne col prefetto Mori durante il fascismo. A Napoli c’è un humus in cui la camorra viene fuori meglio che altrove. Non è il Dna, che non c’entra.  Si chiama cultura, è l’ambiente che è predisposto”.

loading...

Check Also

SENZA PIETA’ COSI’ IMPARA! IL PIAGNISTEO DI MORRA, FATTO FUORI DAL GOVERNO: così ha saputo di esser stato pugnalato alle spalle, come merita

Era convinto, convintissimo di far parte della partita ministeriale. Si parla del grillino Nicola Morra, presidente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *