Home / NEWS / Strage di cristiani in Sri Lanka? La feccia rossa riesce ad attaccare Salvini con questa scusa ridicola

Strage di cristiani in Sri Lanka? La feccia rossa riesce ad attaccare Salvini con questa scusa ridicola

Una serie di esplosioni simultanee, causate da terroristi islamici, si è verificata in hotel e chiese durante le celebrazioni di Pasqua in Sri Lanka, causando finora 207 morti ed oltre 450 feriti, ma il Pd ha altro di cui occuparsi: i pettegolezzi sugli avversari politici.

Ecco che cosa è successo

Luca Morisi, l’informatico che si occupa della promozione dell’immagine di Matteo Salvini sui social, ha pubblicato questo post: “Vi siete accorti che fanno di tutto per gettare fango sulla Lega? Si avvicinano le Europee e se ne inventeranno di ogni per fermare il Capitano. Ma noi siamo armati e dotati di elmetto! Avanti tutta, Buona Pasqua!

Le parole e l’immagine hanno scatenato l’ira funesta del Pd, partito ormai morente, e della solita ridicola sinistra radical chic.

Roberto Saviano: “Questa di Morisi, oltre a essere una grave minaccia alla nostra Democrazia, è istigazione a delinquere, reato procedibile d’ufficio. Ognuno di noi può denunciare questo atto. Vi invito a farlo”.

Dal Pd interviene la vicesegretaria, l’esperta di pomodori Paola De Micheli: “La tragedia di un uomo ridicolo che avverte di aver fallito. Ipocrisie per nascondere che in Italia non c’è più lavoro”, dice la professionista delle conserve.

Attacco di nervi anche per l’immigrofilo Nicola Fratoianni: “Un consigliere ministeriale del ministro dell’Interno non si può permettere di scrivere sui social ‘noi siamo armati’, postando una foto su Facebook con Salvini con un mitragliatore in mano. Ha lanciato un messaggio minaccioso, pericoloso, istigatore di possibili future violenze”.

loading...

Check Also

Grave lutto per il conduttore Alessandro Bonan: “Volevo ricordarla così”

Lutto gravissimo per Alessandro Bonan, conduttore di “Sky Calciomercato” e “Sky Calcio Show”. Nelle scorse …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *