Home / BENESSERE / La grande truffa del salmone: quello che mangi così lo fanno ‘diventare’ arancione

La grande truffa del salmone: quello che mangi così lo fanno ‘diventare’ arancione

Il salmone non è arancione. In realtà è grigio. Il colore che vedete in quelle belle vaschette del supermercato o nelle buste del prodotto affumicato, è qualcosa di colorato. La spaventosa verità su uno dei pesci che più rientra nelle abitudini alimentari dei consumatori emerge da un approfondimento del sito linkiesta che è andata in Islanda dove sta per essere presentato un documentario Artifishal, sull’allevamento intensivo dei salmoni e sulla scomparsa del pesce selvaggio dalle acque del pianeta.

Il salmone – si legge – non nasce, né cresce arancione perché nelle reti in mare aperto dove viene allevato non si nutre né di gamberi né di krill, come fanno i salmoni selvaggi. I salmoni d’allevamento si nutrono di altro, una serie di “alimenti” che fanno uno più spavento dell’altro: mangimi animali o di soia ogm, ormoni, antibiotici, additivi chimici. La loro carne è grigia, fino a pochi giorni dalla macellazione, quando viene colorata artificialmente: con integratori a base di carotene, nel migliore dei casi. Oppure con additivi chimici.

“Se il salmone d’allevamento fosse grigio tutti comprerebbero salmone selvaggio”, spiega Mikael Frödin, che ha dedicato tutta la sua vita all’arte della pesca del salmone atlantico, “in questo modo la gente non li distingue, trova un colore che riconosce e compra il salmone meno caro che trova sul banco, quello di allevamento. Così si spingono fuori dal mercato i produttori di salmone selvaggio”. La conclusione dell’esperto: “Noi compriamo e mangiamo l’imitazione di un pesce, mentre il pesce originale scompare. Sarebbe buffo, se non fosse tragico”.

loading...

Check Also

Cancro alla prostata, il nuovo esame ti può salvare: così una semplice analisi delle urine svela la malattia

Da un semplice esame delle urine sarà possibile diagnosticare la presenza del cancro della prostata, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *