Home / STORIE DI SPORT / QUEL SILENZIO SOSPETTO DI CR7 e quelle devastanti parole: un’accusa pesantissima, panico alla Juventus

QUEL SILENZIO SOSPETTO DI CR7 e quelle devastanti parole: un’accusa pesantissima, panico alla Juventus

Un dramma, l’eliminazione dalla Champions League della Juventus: per i tifosi, per la società, per i giocatori, per gli investitori. Un ko inatteso e pesantissimo, quello con l’Ajax che si è imposto allo Stadium di Torino. E a questo dramma, con discreta evidenza, partecipa Cristiano Ronaldo, che pare più toccato degli altri. Si era sbattuto, sacrificato, per questa partita, tornando dall’infortunio il prima possibile, segnando sia all’andata sia al ritorno (il tutto, lo si ricorda, dopo la clamorosa tripletta al ritorno con l’Atletico Madrid). E del fenomeno portoghese, dopo l’eliminazione dei bianconeri, si sono perse le tracce. Strano, per uno che ci mette sempre la faccia: davanti alle telecamere e sui social. Per ora, invece, assoluto silenzio stampa (semmai circolano voci sul suo possibile addio alla Juventus). Un silenzio, quello di CR7, che dà la cifra della sua sofferenza: deve metabolizzare, riflettere, trovare le parole giuste. Si pensi per esempio che dopo la sconfitta per 2-0 al Wanda Metropolitano, l’andata con l’Atletico di Simeone, Cristiano Ronaldo di primo mattino suonò la carica su Twitter: “Serata difficile, ora crediamoci”. Ma in questo caso, probabilmente, la delusione è troppa. Per ora, l’unica a parlare dal suo clan, è stata la sorella Katia Aveiro. Parole pesantissime: “Tu hai fatto la tua parte, amore mio. Complimenti all’Ajax”, ha scritto su Twitter. Parole che, se pesate, fanno sorgere un sospetto: Katia ha riservato una frecciata ai compagni di squadra di CR7? Il dubbio è più che fondato.

loading...

Check Also

“SFIGATI, NON ARRIVATE A 2000 EURO AL MESE” Così il miracolato Trezeguet si permette di insultare gli agenti dopo l’alcoltest (ovviamente era ubriaco marcio)

Trezeguet ubriaco al volante del Suv insulta i poliziotti: «Non arrivate a 2000 euro al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *