Home / BENESSERE / Rosario Fiorello tumore, il dramma dello show-man: “Avevo sette nei, fate attenzione a questo!”

Rosario Fiorello tumore, il dramma dello show-man: “Avevo sette nei, fate attenzione a questo!”

Oggi parliamo di Fiorello, uno dei personaggi più discussi ed amati della televisione italiana. L’abbiamo visto al fianco di Claudio Baglioni e Michelle Hunziker a illuminare una delle manifestazioni più seguite dell’anno, il Festival di Sanremo. Ma c’è stato un momento in cui lo showman più apprezzato degli ultimi vent’anni ha fatto tutt’altro che sorridere, creando apprensione e non poca preoccupazione. E cioè quando Fiorello ha parlato del male che l’ha colpito e di cosa ha dovuto passare. Non è raro che gli uomini dello spettacolo parlino di problemi personali e di malattie, anche serie, che hanno colpito loro stessi e persone a loro vicine.

Sul punto, però, qualcuno come al solito maligna, accusandoli di sfruttare momenti difficili, brutti, per fare audience, soprattutto quando la propria stella sembra cominciare a spegnersi. Non è ovviamente il caso di Fiorello: la sua stella – per fortuna – continua a splendere. Al contrario, qualcuno ritiene che le personalità dello spettacolo siano le migliori figure per una buona sensibilizzazione dell’opinione pubblica. A prendersi cura, a capire quando e come una malattia può cominciare a manifestarsi.

Fiorello ha difatti rivelatodi essere stato operato a causa di due melanomi, e che quando il dermatologo gli ha fatto la visita, ha voluto che si togliesse anche le mutande. “Ma perché?”. E il medico: “Perché potrebbero esserci nei brutti anche lì”. “Lì sul pisello?”. “Sì”. Fiorello prosegue ancora sorridendo: “Allora ho tirato fuori la belva…”. E… Il medico gli ha trovato sette nei: “Sette nei sul pisello, capite?”. E ha deciso di operarlo per toglierli tutti e sette.. Così per un po’ di tempo Fiorello ha dovuto vivere “con un pacco lì…”. Grandissimo! Con la sua ironia è riuscito a superare e raccontare un momento così difficile e preoccupante per lui. E, perché no, a insegnare qualcosa. Meglio ancora che lo abbia fatto su Periscope, dando importanza a un momento web normalmente di svago. (Continua a leggere dopo la foto)

Quindi anche per aiutare tutti coloro che sono affetti o potrebbero essere affetti da questo problema Fiorello ha rivelato anche che questo problema di salute ha inciso in negativo anche sulla sua carriera. Conclude poi con un po’ di ironia: “I nei me li hanno tolti subito, con le punture di anestetico sul pisello. Per 20 giorni ero come un pacco regalo, ero tutto fasciato avevo tipo un bozzo”.

Ma cos’è il male di cui ha sofferto? Il melanoma cutaneo è un tumore che deriva dalla trasformazione tumorale dei melanociti, alcune delle cellule che formano la pelle. La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo ed è formata da tre strati: l’epidermide, il derma e il tessuto sottocutaneo o grasso. I melanociti fanno parte, insieme ai cheratinociti, dell’epidermide e hanno il compito di produrre melanina, un pigmento che protegge dagli effetti dannosi dei raggi solari. (Continua a leggere dopo la foto)

In condizioni normali i melanociti possono dar luogo ad agglomerati scuri visibili sulla superficie della pelle e noti come nei (nevi è il termine medico). Il melanoma cutaneo è piuttosto raro nei bambini e colpisce soprattutto attorno ai 45-50 anni, anche se l’età media alla diagnosi si è abbassata negli ultimi decenni. In Italia i dati Airtum (Associazione italiana registri tumori) parlano di circa 13 casi ogni 100mila persone con una stima che si aggira attorno a 3.150 nuovi casi ogni anno tra gli uomini e 2.850 tra le donne. Inoltre, l’incidenza è in continua crescita ed è addirittura raddoppiata negli ultimi 10 anni. È opportuno ricordare che il melanoma cutaneo rappresenta solo una piccola percentuale (circa il 5%) di tutti i tumori che colpiscono la pelle.

loading...

Check Also

Cancro alla prostata, il nuovo esame ti può salvare: così una semplice analisi delle urine svela la malattia

Da un semplice esame delle urine sarà possibile diagnosticare la presenza del cancro della prostata, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *