Home / NEWS / Arrestati i Trapper idoli dei ragazzini: rapinati e massacrati di botte tre giovani che chiedevano un autografo

Arrestati i Trapper idoli dei ragazzini: rapinati e massacrati di botte tre giovani che chiedevano un autografo

Rapina aggravata dall’uso di armi: con questa accusa Gabriele Magi, in arte “Gallagher”, e Gianmarco Fagà, conosciuto come “Traffik”, sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri.

I due trapper, entrambi romani di 23 e 25 anni con precedenti, sono accusati di aver aggredito, la sera del 23 febbraio scorso, 3 ragazzi all’uscita della stazione ferroviaria di Roma Termini, utilizzando anche un tirapugni in ferro, tentando di strappare loro i cellulari.

Le vittime si erano avvicinate ai due cantanti, dopo averli riconosciuti, con l’intento di farsi firmare degli autografi. Ma il loro entusiasmo è stato tradito dalle immediate minacce ricevute, senza preavviso, unite alle violenze fisiche con cui sono stati aggrediti. Con non poche difficoltà erano riusciti a fuggire velocemente a piedi, venendo rincorsi.

Durante l’inseguimento, i due aggressori si sarebbero fermati anche a picchiare un cittadino del Bangladesh, di 50 anni, che era in strada ad aspettare l’autobus, riempiendolo di calci e pugni, tentando di sottrarre il cellulare anche a lui, ma non riuscendoci per l’intervento di alcuni passanti. Per scappare dalla furia dei due, lo straniero è stato anche investito da un’autovettura in transito sulla strada che gli ha provocato la frattura della gamba.

Dopo un mese di indagini i carabinieri della stazione Macao, coordinati dalla Procura di Roma, hanno arrestato e posto ai domiciliari i due responsabili grazie anche al riconoscimento fotografico delle 4 vittime.

Magi è stato fermato nel quartiere romano di Parioli, mentre il suo collega e complice è stato arrestato a Novara.

loading...

Check Also

“ADESSO CAPITE IL PERCHE’ DI TUTTI QUEI NO?” Salvini, svelato il terribile sospetto che lo ha portato a chiedere elezioni anticipate

Salvini, adesso capisco tutti quei no – “Adesso capisco tutti quei no “. L’ha detto il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *