Home / NEWS / La porcata di Bruxelles per far fallire l’Italia: un paradiso fiscale nel cuore dell’Europa

La porcata di Bruxelles per far fallire l’Italia: un paradiso fiscale nel cuore dell’Europa

Nel bel mezzo dell’Europa, o meglio dell’Unione Europea, c’è un paradiso fiscale: l’Olanda. Un caso spinoso, analizzato nel dettaglio dal Corriere della Sera, che sottolinea come il Paese abbia un attivo di bilancio e un debito sceso sotto alle soglie prevista da Maastricht. Ma quando si misura il contributo dei Paesi Bassi al sistema-euro sorgono le incertezze. Già, le politiche dell’Aia non hanno fatto altro che “sottrarre surrettiziamente negli anni centinaia di miliardi di base fiscale agli altri Paesi”, recita il quotidiano di via Solferino (dunque, non un ‘pericoloso sovranista’).

L’Olanda, infatti, offre ai più grandi gruppi al mondo agevolazioni fiscali che rendono i loro oneri risibili. Non è un caso che l’investimento diretto di aziende Usa nei Paesi Bassi sarebbe in teoria di 51 volte superiore a quello in Germania, di 77 volte rispetto alla Francia e di 155 rispetto all’Italia (tre economie, quelle citate, assai maggiori rispetto a quelle dell’Aia). Ciò ovviamente è dovuto agli “effetti ottici prodotti da sedi olandesi di aziende multinazionali simili soprattutto a cassette delle lettere”.

I gruppi che investono in Olanda, infatti, avrebbero in teoria oltre 200mila euro di utile per ogni dipendente: decine di volte di più rispetto a Berlino o Roma. Ed è qui che si svela il paradiso fiscale. Un regime agevolato che va a danneggiare il resto d’Europa, come rimarca uno studio dell’università di Berkeley: ogni anno, l’Olanda, “risucchia” artificialmente oltre 50 miliardi di base fiscale altrui. Come conseguenza, ciò determina un surplus esterno enorme, molto oltre le regole Ue, che però la Commissione Ue non ha mai osato definire eccessivo.

Uno scandalo, insomma. Reso ancor peggiore dal fatto che c’è chi, come Wopke Hoekstra, ministro delle Finanze olandese, si preoccupa delle finanze dell’Italia. Il ministro dei Paesi Bassi ha più volte chiesto all’Eurogruppo informazioni sul bilancio di Roma, definendo “poco convincente” l’accordo raggiunto dal governo con la Commissione Ue nei giorni della manovra. E ancora, l’Olanda vorrebbe che i Paesi dell’area euro in difficoltà economiche si lasciassero guidare da Bruxellsin una “ristrutturazione automatica” del debito. Ovvero al default. “È imperativo che i bilanci pubblici siano in pareggio”, tuona Hoekstra, ministro delle Finanze di un paradiso fiscale che drena all’Italia e agli altri Paesi finanze che potrebbero sanare i bilanci.

loading...

Check Also

CONTE LO HA VISTO ED E’ SCAPPATO DALLA VERGOGNA! Sallusti, che soddisfazione tutta da godere

Tratto da dagospia.comAssemblea di Confesercenti a Roma. Perché il premier Conte ha abbandonato platealmente e …

Un commento

  1. L’Europa e Bruxelles sono famelici parassiti di un sistema economico squilibrato, che nulla hanno di democratico e di equità. Stanno succhiando il sangue agli italiani ed ai paesi della comunità più deboli. L’Europa è interessata a facilitare le più scorrette attività delle multinazionali, delle banche e della grande speculazione internazionale, bacchettando le popolazioni che stanno facendo soffrire. E’ un sistema di strozzini, come l’Olanda ed altri paesi, che non agiscono per apportare vantaggi alla nostra comunità, ma creano squilibri sociali, impedendo agli altri di essere competitivi in modo trasparente e corretto. Questa Europa, vuole vivere sui cadaveri dei paesi indeboliti dalla propria attività, tradendo la non volontà e di capacità gestionale, dove mancano i risultati che esprimono una vera politica unitaria, di equità economica e sociale, di leggi omogenee e paritetiche, è incapace persino di rimuovere o non intendendo farlo, a migliorare la coesione tra i popoli e gli squilibri che ha contribuito a creare nei nostri “Stati Uniti d’Europa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *