Home / NEWS / Tenetevi forte! L’ultima folle accusa dell’UE: il governo minaccia troppo i giornalisti. Vi rendete conto cosa arrivano a dire?

Tenetevi forte! L’ultima folle accusa dell’UE: il governo minaccia troppo i giornalisti. Vi rendete conto cosa arrivano a dire?

L’Italia è lo Stato Ue con il più alto numero di minacce effettive alla libertà di stampa: sono 19 casi segnalati da giugno, senza che le autorità italiane rispondessero ad alcun allarme lanciato. Ad intimorire i media è lo stesso governo: «I due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, hanno regolarmente espresso attraverso i social una retorica particolarmente ostile ai giornalisti» sostiene il Consiglio d’Europa nel suo rapporto sulla libertà di stampa nel vecchio continente.

Lo studio evidenzia come la maggior parte delle segnalazioni del 2018 sia arrivata dopo l’insediamento del nuovo esecutivo, il primo giugno. L’analisi entra nel dettaglio e cita espressamente gli episodi più controversi: il leader leghista «ha minacciato di revocare la scorta al giornalista Roberto Saviano, nonostante le note minacce di morte da parte della criminalità organizzata» (la revoca al collega Sandro Ruotolo è stata sospesa in extremis). E c’è n’è anche per l’alleato 5 Stelle, che «ha insultato i giornalisti e avviato una politica di abolizione dei finanziamenti pubblici alla stampa», scrive il Consiglio facendo così proprio l’alert della Fnsi sul «rischio continuo di violenza alimentato dalla retorica ostile della maggioranza». Ma, a onor del vero, non va meglio nel resto dei paesi membri, dove attacchi e minacce ai giornalisti, incluse quelle di morte, sono raddoppiate nel 2018; mentre non si riscontrano progressi nei numerosi casi d’impunità per omicidi e detenzioni arbitrarie di reporter e cronisti. E tutte le nuove iniziative legislative attualmente al vaglio dei diversi governi non sembrano interessate a valorizzare il diritto fondamentale a un’informazione plurale.

loading...

Check Also

24 ORE PRENDERE O LASCIARE: Alessandro Di Battista lancia segnali inequivocabili. Salta l’inciucio?

Alti e bassi di una trattativa difficilissima, quella tra Pd e M5s. Ci si è messo anche Alessandro Di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *