Home / NEWS / “Siete i servi di chi ci ha reso schiavi” è rivolta contro il PD che espone la bandiera francese per solidarietà al burattino dell’Eliseo

“Siete i servi di chi ci ha reso schiavi” è rivolta contro il PD che espone la bandiera francese per solidarietà al burattino dell’Eliseo

Il Partito Democratico si schiera con Parigi: su Twitter la bandiera transalplina. Ira M5S: “Provocazione anti-italiana”

Il Pd espone la bandiera francese. Anche su Twitter. Nella diatriba tra il Belpaese e Parigi, il Partito Democratico prende una posizione netta.

Nel suo account social, infatti, il Pd ha esposto il vessillo transalpino al fianco di quello dell’Unione Europea e dell’Italia. Una scelta di campo dopo che Parigi ha richiamato l’ambasciatore a seguito delle polemiche con il Viminale (vedi controlli francesi sui treni) e con Di Maio (leggi incontro con i gilet gialli).

“Il M5s, in particolare il Ministro Di Maio, ha incontrato la parte più violenta dei gilet gialli, per altro sconfessata dalla parte più pacifica. Il richiamo di un ambasciatore è un gesto che non si compiva dai tempi del fascismo. Oltre al grave problema della credibilità di questa Italia c’è la questione economica e commerciale: oggi Fubini ci ricorda che il rapporto fra Italia e Francia sul Made in Italy riguarda una cifra pari a 10 miliardi”, ha detto il candidato alle primarie del Pd Roberto Giachetti.

La scelta dei dem è stata però criticata dal M5S. “Provocazione anti italiana del Pd, partito dei poteri forti, con una bandiera francese sul suo Twitter. Noi amiamo la Francia ma amiamo di più l’Italia. Che segnale vogliono mandare e a chi? Pd servo con chi ci ha messo in ginocchio e ci ha resi schiavi dell’Europa delle banche”, scrive il sottosegretario alla Pubblica Amministrazione Mattia Fantinati.

loading...

Check Also

L’indagato PD del giorno è un pezzo grosso! 296mila euro all’uomo di fiducia di ‘terza media’ Zingaretti

Marco Lillo e Valeria Pacelli per “il Fatto Quotidiano” L’ uomo che molti anni fa ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *