Home / NEWS / CONTE DEMOLISCE I PARASSITI DEL SINDACATO: “ZITTI E MUTI CON LA FORNERO E ADESSO SCENDETE IN PIAZZA?”

CONTE DEMOLISCE I PARASSITI DEL SINDACATO: “ZITTI E MUTI CON LA FORNERO E ADESSO SCENDETE IN PIAZZA?”

Il premier Giuseppe Conte nella consueta conferenza stampa di fine anno ha toccato un punto spinoso della manovra che riguarda proprio i tagli agli assegni

Il premier Giuseppe Conte nella consueta conferenza stampa di fine anno ha toccato un punto spinoso della manovra che riguarda proprio i tagli che il governo si appresta a a afre sugli assegni dei pensionati.

L’esecutivo opererà su due fronti. Il primo riguarda le sforbiciate agli assegni più alti che superano i 5000 euro netti, il secondo invece riguarda il blocco delle rivalutazioni sugli assegni. Due vere e proprie mazzate che hanno fatto infuriare e non poco i pensionati. I sindacati e le associazioni di categoria hanno scelto di protestare (e non poco) contro la decisione del governo.

Manifestazioni, incontri e sit-in per dire “no” alle sforbiciate tanto volute dall’esecutivo, sponda grillina. Ma il premier Conte non vuol sentir parlare di rivolta dei pensionati e non accetta i malumori tra chi ormai è fuori dal mercato del lavoro e vive con l’assegno previdenziale. La sua posizione a riguardo è chiara e anche dura: “I pensionati scendono in campo ma li ricordo silenti quando fu approvata la legge Fornero.

Oggi, nel pieno rispetto del governo, sono in strada a protestare. Facciano la loro protesta ma non mi sembra assolutamente che abbiamo attentato a trattamenti pensionistici, abbiamo operato con molto discernimento”. Ma le sue parole di certo non fermeranno l’onda di protesta. Nella prima settimana di gennaio sono già previste diverse manifestazioni. I pensionati scendono in piazza.

loading...

Check Also

ERA FATTO DI COCAINA IL PADRE CHE HA AMMAZZATO IL FIGLIO GUIDANDO IN DIRETTA FACEBOOK: le incredibili scoperte dei sanitari durante il ricovero

Da www.lastampa.it Fabio Provenzano, 34 anni, che dieci giorni fa si è schiantato con l’auto lungo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *