Home / STORIE DI SPORT / ULTRA’ MORTO A MILANO? NESSUNA PIETA’ ERA LI PER AMMAZZARE: tutti concordi nel commentare la notizia della rissa di stanotte a San Siro

ULTRA’ MORTO A MILANO? NESSUNA PIETA’ ERA LI PER AMMAZZARE: tutti concordi nel commentare la notizia della rissa di stanotte a San Siro

Un tifoso interista di 35 anni è morto dopo essere stato investito da un mezzo durante gli scontri avvenuti prima della gara Inter-Napoli a San Siro. La vittima è Daniele Belardinelli, rende noto VareseNews, ultras di Varese Inter, membro dei Blood&Honour e già colpito da Daspo in passato. Due ultras dell’Inter sono stati arrestati nella notte dalla polizia: sono accusati di rissa e lesioni. Si sta cercando una terza persona, mentre il questore di Milano, Marcello Cardona, ha annunciato anche che chiederà il divieto alle trasferte dell’Inter per tutto il campionato e la chiusura della Curva Nord fino a fine marzo, cioè per cinque giornate.

La dinamica – Circa un’ora prima dell’inizio della partita, intorno alle 19.30, un gruppo di tifosi nerazzurri ha aggredito i rivali partenopei in via Novara. Il van su cui viaggiano è stato bloccato dagli ultras di casa con mazze e catene: così sono cominciati i tafferugli. Il pulmino “è stato attaccato da un centinaio di supporter dell’Inter, del Varese e del Nizza“, ha ricostruito il questoreCardona. “I tifosi nerazzurri hanno colpito con spranghee bastoni il mezzo dei napoletani, la colonna si è bloccata e immediatamente c’è stato un fuggi fuggi di persone. Negli stessi istanti nella corsia opposta un suv ha investito il 35enne”. La persona alla guida non è ancora stata rintracciata e, ha spiegato il questore, “potrebbe non essersi accorto dell’incidente. I primi ad attirare l’attenzione sul 35enne sono stati i tifosi del Napoli, poi quelli dell’Inter lo hanno portato in macchina in ospedale“, al San Carlo, dove è morto in sala operatoria.

Duri i commenti degli italiani alla notizia. Eccone alcuni, molto significativi

Secondo la Questura è stata un’azione squadristica “assolutamente non preventivabile”. E sì perché è la prima volta che succede nel calcio, finora c’erano stati morti solo con il ciclismo, il tennis, la pallavolo e la pallacanestro: e questi sarebbero quelli che paghiamo per mantenere l’ordine pubblico ? Chiudete gli stadi e riconvertiteli ad uso agricolo

Il calcio è un pretesto per questi imbecilli. Un pretesto per dare sfogo ai loro istinti bestiali in nome di principi che tali non sono. Della loro squadra e del calcio gliene frega nulla. Gli stadi, per fortuna, sono pieni di bambini che vivono le gioie e le delusioni che lo sport regala ai suoi spettatori. Non ci sono più scontri negli stadi, un risultato è stato raggiunto, le bestie non hanno più un’arena e devono sfogarsi per strada. Finché non rompono le scatole alle persone per bene che si prendano pure a mazzate tra di loro.

Io ho un ragazzo di 18 anni, tifoso dell’Inter e appassionato del calcio da quando aveva 6 anni (ndr io amo il rugby.. altro mondo!!). Gli ho insegnato il rispetto per l’avversario, gli ho insegnato il rispetto per i giocatori qualsiasi sia la loro provenienza e colore della loro pelle, gli ho insegnato il rispetto per le tifoserie avversarie. Mi piace gioire con lui quando si vince e lo stesso consolarci quando si perde pensando che poi alla prossima andrà meglio.Qualsiasi sport, compreso il calcio, è meraviglioso se vissuto sportivamente (vedere significato). Ci sono persone e sono tante che usano effettivamente il calcio per sfogare i loro istinti delinquenziali, la loro frustrazione e la loro malvagità, non voglio, per qualsiasi motivo, che questi possano sopraffare uno spettacolo sportivo (qualsiasi esso sia) che fa felice tantissimi giovani e giovanissimi. Devono esseste trattati come delinquenti con l’aggravante di tentato omicidio e rinchiusi in galera e costretti a espiare le loro colpe ai servizi sociali.

Chi ha inventato il termine tifo aveva ben presente una malattia che annebbia il cervello e può risultare mortale.

uno che blocca un furgoncino con mazze e catene credi si aspettasse di ricevere fiori in cambio? …scendono in guerra, ne hanno accoltellati 4: coltelli , mazze e catene se li sono portati da casa…sanno dove fare le imboscate, relativamente lontano dallo stadio così che ci siano meno forze dell’ordine a controllare

loading...

Check Also

DELIRIO A MONZA! E’ TRIONFO LECLERC: una gara da campione vero

Impresa del monegasco che resiste alla pressione delle due Mercedes, prima Lewis poi il finlandese, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *