Home / BENESSERE / In preda alla disperazione e con una figlia affamata in braccio, vendeva penne per sopravvivere finché uno sconosciuto non scattò una fotografia alla bimba e scoprì chi fosse veramente

In preda alla disperazione e con una figlia affamata in braccio, vendeva penne per sopravvivere finché uno sconosciuto non scattò una fotografia alla bimba e scoprì chi fosse veramente

Abdul Halim al-Attar, 33 anni, era fuggito dalla Siria insieme ai suoi 2 figli. Al-Attar, era andato via da Yarmouk, il campo profughi palestinese sul confine meridionale di Damasco, dove era impiegato in una fabbrica di cioccolato. Il campo è stato devastato dai combattimenti e lui era scappato con la sua famiglia. Sebbene sia originario della Siria, al-Attar è palestinese e non ha la cittadinanza siriana.

Arrivato a Beirut ha cercato un lavoro, senza trovarlo e, per sopravvivere, aveva deciso di vendere penne. Tutti i giorni Abdul prendeva i suoi figli e si fermava a uno degli incroci della città dove cercava di vendere penne agli automobilisti di passaggio. Spesso, la figlia più piccola, Reem, si addormentava e lui, per non farla dormire per terra, la teneva in braccia, continuando a lavorare, sotto il sole cocente di Beirut. Un giorno qualcuno gli ha scattato una foto che ha postato sui social. La foto del padre disperato che vendeva penne con la bambina in braccio è diventata subito virale e ha commosso il mondo intero.

Una delle persone colpite dalla sua situazione, un giornalista online e sviluppatore web norvegese, Gissur Simonarson, ha creato un account Twitter sotto il nome @buy_pens e una campagna Indiegogo per raccogliere $ 5,000 per al-Attar e la sua famiglia. Quando chiuse tre mesi dopo, la campagna aveva raccolto quasi quaranta volte di più: $ 188685. Da allora a questi soldi si sono aggiunti altri $ 2324 in donazioni per un totale di $ 191000.

“Non solo la mia vita è cambiata, ma anche la vita dei miei figli e la vita delle persone in Siria che ho aiutato”, ha detto. Al-Attar ha detto di aver regalato circa $ 25.000 ad amici e parenti in Siria e si è anche rapidamente ricostruito una vita migliore per sé e la sua famiglia a Beirut. Sua moglie è tornata in Siria e, attualmente, sono separati.

Abdul al-Attar ha trasferito i suoi figli dal dormitorio comune in un appartamento con due camere da letto in un edificio incompiuto che si affaccia sull’autostrada a sud di Beirut. L’appartamento è rumoroso e scarno ma Reem, la bimba fotografata mentre dormiva sulla spalla del padre e che adesso ha 4 anni, mostra con orgoglio i suoi nuovi giocattoli: stoviglie di plastica, un’altalena e un orso impagliato che sembra essere il suo preferito. Suo fratello, Abdullelah, di 9 anni, è finalmente potuto tornare a scuola dopo tre anni di assenza.

Incassare i fondi per al-Attar è stata una lotta. Finora l’uomo ha ricevuto solo il 40% di circa $ 168000, dopo che Indiegogo e Paypal hanno prelevato circa $ 20000 in spese di elaborazione e bancarie. PayPal non opera in Libano, quindi al momento il denaro viene trasferito in Libano un po’ alla volta da un amico della campagna che può effettuare prelievi a Dubai.

“Vedendo che ha aperto un ristorante e i suoi figli sembrano ben curati, sono davvero felice”, ha detto Simonarson in un’intervista telefonica da Oslo. Ma ha anche detto di essere scoraggiato “dopo aver visto quanto sia stato difficile l’esborso e le complicazioni con i rifugiati che non hanno potuto aprire un conto in banca in Libano, penso che sarà la mia ultima raccolta fondi”.

Nonostante la sua frustrazione e l’incertezza su quando e se riceverà il resto dei suoi soldi, al-Attar si sente grato. Lavora molto anche con gli ordini di pane fresco e con le shawarmas dei lavoratori e delle famiglie vicine nel quartiere popolare di Ared Jaloul. “Ho dovuto investire i soldi che mi hanno donato, altrimenti andavano persi”, ha detto, insaccando un sandwich di pollo arrosto.

Durante l’intervista, Abdul al-Attar ha sfoggiato una maglietta con la scritta “Resta positivo” e un largo sorriso. “Quando Dio vuole concederti qualcosa, lo capisci”, ha aggiunto.

Lui e i suoi 16 dipendenti sono fortunati ad avere un lavoro in Libano. Ci sono circa 1,2 milioni di rifugiati siriani registrati nel paese, molti dei quali faticano a trovare lavoro. Solo un terzo dei rifugiati siriani in Libano ha una qualche forma di occupazione, secondo un rapporto del 2014 dell’Organizzazione internazionale del lavoro.

Anche Al-Attar si sta abituando al suo nuovo status. Una volta era solo un anonimo venditore ambulante di penne ma adesso si sente come un vero membro della sua comunità.

loading...

Check Also

“FIERO, MA STANCO DI POLITIC INCOMPETENTI” E’ VIRALE IL POST DEL CHIRURGO AL TERMINA DI UN INTERVENTO LA NOTTE DI CAPODANNO

Un post pubblicato su Facebook a San Silvestro è diventato virale: a scriverlo Daniele Pezzati, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *