Home / NEWS / “VOGLIONO FARGLI LA PELLE!” MACRON SE LA FA SOTTO PER DAVVERO, oggi glielo hanno promesso! Tutti sotto all’Eliseo per cacciarlo via

“VOGLIONO FARGLI LA PELLE!” MACRON SE LA FA SOTTO PER DAVVERO, oggi glielo hanno promesso! Tutti sotto all’Eliseo per cacciarlo via

Aria di golpe in Francia contro Emmanuel Macron. Le voci, clamorose, che filtrano dall’Eliseo parlano di un clima di mobilitazione dell’esercito per il fine settimana, quando i gilet gialli torneranno di nuovo in piazza. Si temono altri disordini, scontri e incidenti, ma questa volta il pericolo, rivelano fonti degli 007 transalpini, è molto più grave.

Il moto di protesta, già violentissimo, sarebbe stato infiltrato da ambienti eversivi. I servizi segreti parlano direttamente di “tentativo di colpo di Stato“, secondo quanto riporta il quotidiano moderato Le Figaro, molto vicino ai vertici della sicurezza. La Dgsi (sicurezza interna) ha già allertato la presidenza della Repubblica: “Ci sono molti gilet gialli che dicono di voler marciare sull’Eliseo, altri che minacciano di morte coloro che vogliono trattare con il governo. Ma la Repubblica è salda, le istituzioni sono forti”, è uscito allo scoperto il premier Edouard Philippe in tv. Sono 90mila gli agenti mobilitati: “Gli estremisti che non sono riusciti ad imporre i loro leader alle scorse presidenziali cercano la rivincita – spiega una fonte interna al sindacato di polizia -. Vogliono far saltare il sistema”. Il terrore a Parigi è che sabato i protestanti tirino fuori le armi e con l’appoggio di black blocanarchici, di estremisti di destra e di sinistra e teppisti dalle banlieue possano mettere a ferro e fuoco la città per sovvertire l’ordine repubblicano.

loading...

Check Also

Atrocità inaudita. Sembra una foto normalissima, di una bimba che va al supermercato con il suo papà: il quadretto perfetto, insomma. Ma, quando lo scatto inizia a circolare in rete, gli utenti impallidiscono

Immagini scioccanti, terribili, che hanno subito fatto il giro del web tra le reazioni spaventate …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *