Home / NEWS / Sgarbi ubriaco si rotola all’Autogrill: e non è l’unico scandalo! Viaggia con l’auto targata ‘Slovenia’ come un qualunque furbetto anti-autovelox

Sgarbi ubriaco si rotola all’Autogrill: e non è l’unico scandalo! Viaggia con l’auto targata ‘Slovenia’ come un qualunque furbetto anti-autovelox

1 – Notte da leone all’autogrill, Sgarbi: ”È stato tutto un gioco”

Da www.viterbonews24.IT

”È puro gioco, non c’è notizia né smentita”. Vittorio Sgarbi risponde all’articolo pubblicato ieri da Viterbonews24 e dà la sua versione dei fatti avvenuti nella notte tra giovedì e venerdì scorso, quando, di ritorno da un galà a Roma, è stato ripreso in un video mentre si rotola sul pavimento di un autogrill insieme alla sua assistente.

Un comportamento che ha generato nei pochi presenti nel locale – e in coloro che hanno potuto visionare il filmato – il lecito dubbio che il sindaco di Sutri, nonché parlamentare della Repubblica Italiana, fosse sotto gli effetti dei fumi dell’alcol. Il primo cittadino però si difende e racconta la sua verità. Lo fa attraverso un video di alcuni minuti registrato ieri mattina a Bologna (mentre era in bagno a farsi la barba, ndr) che ha pubblicato su Facebook.

”Io non bevo – sostiene Vittorio Sgarbi –, non posso dire di essere astemio perché il vino ha una sua meraviglia, un suo colore, una sua forza. Bevo per diletto e per puro piacere solo lambrusco, un vino leggero e spiritoso che non può dare nessuna ebrezza e che bevo per appartenenza geografica… Ed ecco allora che qualcuno mi vede a terra e pensa che io sia ubriaco e ricostruisce una serata che in realtà fu abbastanza solenne, almeno nello spirito […]; una serata non particolarmente eccitante ma con una sua dolcezza, con persone gentili e belle donne. Dopodiché sono partito per andare a Tarquinia a prepararmi la mattina dopo per i funerali di Omero Bordo”.

”Mi fermo in un autogrill – continua il sindaco di Sutri –, sulla bretella che porta verso Viterbo, e mi accorgo incredibilmente che non ci sono i soliti libri comuni e commerciali ma libri vecchi degli anni ’70, ’80, ’90, addirittura un’enciclopedia letteraria di buona impostazione, a 1,90 euro a volume. Naturalmente tanti ne vedo e tanti sono i titoli rari e insoliti che comincio a prenderli ma la mia assistente, una ragazza molto spiritosa, nel tentativo di farmi risparmiare cerca, giocando, di impedimerlo e quindi mi strappa da questi scaffali e mi tira”.

Si è trattato solo di un gioco, quindi, per il primo cittadino: ”Lei probabilmente ha sbagliato ma nello sbagliare il suo divertimento, la sua violenza comica, la sua ‘hybris’ è quella per cui lei si rotola per terra e cerca di strapparmi i libri. Così qualcuno pensa che io sia ubriaco e lo scrive su un giornaletto di Viterbo. No, era un gioco. Il gioco di una bambina con un adulto che è rimasto bambino anche lui e lo è sopratutto quando vede i libri che sono come giocattoli e sono la cosa più straordinaria che uno può acquistare”.

”Quel gioco – conclude Vittorio Sgarbi – è diventato un articolo che non racconta bene la serata del premio Giusta Causa che ho ricevuto né tantomeno la verità sulla mia supposta ebrezza. Io non sono mai stato ubriaco se non, forse, quando ero adolescente, prima della laurea. […] È puro gioco, non c’è notizia e non c’è smentita”.

Sarà stato pure un gioco, come sostiene Sgarbi, ma un sindaco che si rotola alle 3 di notte sul pavimento di un autogrill è una notizia: per un amministratore certi atteggiamenti in un esercizio pubblico sono discutibili. Nulla da eccepire, infine, sulla ricostruzione della serata, ma guardando il filmato rimane il dubbio che l’alcol ci abbia messo uno zampino.

2 – IL GIALLO DELLA TARGA SLOVENA DI SGARBI

Da “la Zanzara – Radio24”

 “Ho una targa slovena e ne sono felice. Perché non dovrei averla slovena? La mia fidanzata è slovena e quindi ho la targa slovena. E poi basta con queste multe del cazzo, una cosa ignobile, l’autovelox, il tutor….merda di governi idioti che vogliono rovinare la gente che va 105 anziché 104 all’ora. Ma vadano a dar via il culo…vogliolibertà di velocità come in Germania”.

A la Zanzara su Radio 24 Vittorio Sgarbi si incazza quando gli fanno notare che viaggia su una vettura (a noleggio) con la targa slovena per non pagare le multe. Sbotta Sgarbi: “Me ne sbatto i coglioni di queste leggi fatte da miserabili per rubare ai cittadini dei soldi con l’autovelox. Mi fanno schifo. Vadano a dar via il culo, non bisogna pagare le tasse per le multe, sono multe di fascisti di merda”.

Ma hai la targa slovena per non pagare le multe?: “No, parlate a cavolo perché non siete informati. Arrivano lo stesso, ma mi guardo bene dal pagarle. Le ritengo sommamente ingiuste. Slovenia perché prendo la macchina in affitto, e prendo la macchina che mi costa di meno”. Toninelli ha deciso che entro 60 giorni non potrai più circolare con targa straniera se sei residente in Italia: “Allora prendo la residenza in Slovenia.

Ma farò quel cazzo che mi pare. Io circolo con la macchina che pare a me. Ho l’autista. E io le multe non le voglio pagare, le ritengo illegali. Non puoi pagare le multe in Italia, e non in Germania. Voglio non pagare le multe ed andare alla velocità che pare a me. Se vado a 200 all’ora devo pagare la multa? No, in Germania non le pagano. Io sono in Europa. Abbiamo fatto una legge di merda per rubare soldi ai cittadini”.

Ma tu fai il deputato, dovresti dare il buon esempio: “Io non voglio dare esempi a nessuno. Ritengo che sia immorale multare la gente che non fa un cazzo. Tu sai che al km 7 c’è un tutor, rallenti, e poi appena superato riparti.

Ma che roba è? Buffoni di merda, quello che l’ha inventato, i vari governi di merda. Per rubare i soldi ai cittadini. Non pagate le multe delle automobili, sono furti”. Ma la targa slovena è una paraculata: “Ma io sono felicissimo di essere un paraculo come te (Cruciani, ndr). La targa slovena è la targa della macchina che ho preso in affitto, e mi tengo la macchina fino a quando mi pare. La prossima volta sarà San Marino. Ma le multe non le voglio pagare. Non le pago le multe. Te le metto nel culo a te le multe. Mi fanno cagare, sono furti di stato. Sono ladri”. Toninelli però ha deciso che non può più fare: ”Toninelli è un mentecatto come te, un coglione come te. Una testa di nulla. Prenderò una targa diversa, che mi frega”.

loading...

Check Also

BERLUSCONI, BUONE NOTIZIE DALL’OSPEDALE: ridimensionate le notizie dell’incidente, ecco le sue reali condizioni di salute

Il Cavaliere è rientrato da Zagabria dopo una caduta. Dopo alcuni accertamenti la diagnosi: “Nessuna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *