Home / BENESSERE / Il pezzo forte di questa donna è il ‘findom’, la nuova ‘pratica erotica’ che, a quanto pare, piace moltissimo

Il pezzo forte di questa donna è il ‘findom’, la nuova ‘pratica erotica’ che, a quanto pare, piace moltissimo

Il termine, ormai, è entrato nel vocabolario collettivo di tutti, finito sui giornali e sui principali siti in diversi casi che hanno riguardato politici o vip e diventato d’uso comune. Escort, accompagnatrice, una professione spesso associata anche al rapporto sessuale con i clienti che pagano per avere al fianco delle belle donne, alle volte anche di classe. Un po’ quello che fa, nella vita, Olivia Coxxx, nome d’arte che è tutto un programma, e che però, al contrario di quello che potreste immaginare, non riceve soldi per infilarsi nel letto del ricco impresario o manager di turno. O meglio, non nel senso più tradizionale dell’espressione. Olivia, bionda e dal fisico esplosivo, è infatti quella che in gergo viene definita “dominatrice” o “padrona”, termini sicuramente comuni a chi almeno una volta nella vita si è imbattuto in qualche annuncio virtuale a luci rosse. Insomma, una donna che “sottomette” gli uomini, persone che si eccitano nel sentirsi in balìa della procace 25 enne.

Olivia è riuscita a costruire intorno a queste pratiche una vera e propria fortuna, grazie a un pizzico di genio e fantasia che l’hanno spinta su sentieri inesplorati, ufficializzando un business spesso considerato tabù e garantendosi ampi guadagni. Le tariffe variano a seconda della prestazione: 100 dollari per soli venti minuti di chat su Skype, che salgono a 450 per un’ora e 800 per due ore. (Continua a leggere dopo la foto)

 

Di sesso vero e proprio, però, neanche l’ombra. Solo umiliazioni, minacce, ricatti. Gli uomini la pagano per farsi insultare, deridere, sottomettere fisicamente. Altri le affidano la carta di credito e godono nel vederla spendere i loro soldi, minacciandoli poi di rivelare tutto in rete. Il cosiddetto “findom” o “financial domination” (dominazione finanziaria), una pratica sempre più diffusa. Lei, australiana, spiega: “Non faccio niente di male. Sono loro a cercare me e insistere per i miei servizi”.

loading...

Check Also

In preda alla disperazione e con una figlia affamata in braccio, vendeva penne per sopravvivere finché uno sconosciuto non scattò una fotografia alla bimba e scoprì chi fosse veramente

La storia del rifugiato siriano che vendeva penne è diventata virale in poche ore e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *