Home / NEWS / “Vai in fondo perchè sei nero?” Le telecamere del bus smascherano l’ennesima BUFALA propinata dalla stampa di regime

“Vai in fondo perchè sei nero?” Le telecamere del bus smascherano l’ennesima BUFALA propinata dalla stampa di regime

La storia del ragazzo nero vittima di razzismo sul Flixbus di Trento, pare smontarsi di ora in ora.

La vicenda era venuta fuori sui social e sui giornali con il solito grande sdegno e vigore ma le indagini delle forze dell’ordine sembrano rivelare un’altra verità.

Il giovane africano, salito sul bus verde, secondo quanto scritto da una ragazza sui social sarebbe stato costretto da una signora anziana a sedersi in fondo al bus per via del colore della sua pelle.

“Sei nero, qui non puoi sederti”.

Questa più o meno la frase che ha viaggiato su tutti i media per tre giorni con relative reazioni più o meno forti (qualcuno proponeva punizioni fisiche per la donna) dei paladini della giustizia su internet.

La cosa grave è che tutto questo è stato amplificato dai giornali cartacei e online.

Dalla visione dei video sta emergendo invece tutt’altro.

Il giovane, infatti, pare che non parlasse l’italiano e che stesse provocando un ritardo poiché non comprendeva le spiegazioni dell’autista.

Il ragazzo senegalese voleva sedersi nei primi posti del bus che invece sarebbero riservati a chi paga un sovrapprezzo, quindi il suo biglietto non era valido per quella zona.

Con l’ausilio degli agenti delle forze dell’ordine, alla fine il giovane è andato a sedersi dietro e non avrebbe parlato con nessuno dei passeggeri, quindi il cambio di posto non aveva nessuna motivazione razziale né alcuno gli avrebbe rivolto frasi razziste.

Una storia, quelle delle bufale razziste, che spesso porta a grandi casi che poi si sgonfiano puntualmente (esempio, l’uovo che colpì un’atleta italiana usato per propaganda politica).

Naturalmente, tutto ciò è coinciso con gli ultimi giorni di campagna elettorale in Trentino e con l’arrivo di Salvini in città (condito da atti vandalici), in maniera che qualcuno potesse urlare al razzismo, fenomeno che ormai esiste in percentuali risibili.

Siccome a una parte politica in difficoltà mancano argomenti, serve uno slogan da urlare, mentre ad altri idealisti fa comodo qualche storia per avere fama sui social.

Ad avvalorare la tesi della «Bufala» è anche la dichiarazione di chi ha fatto da interprete fra il ragazzo straniero, l’autista e le forze dell’ordine, che appunto smentisce l’episodio di razzismo e di altri testimoni presenti sul bus in quel momento. (vedi sotto).

Intanto il profilo della studentessa Trentina, che con le sue dichiarazione ha fatto finire il Trentino su tutti i media nazionali, è stato oscurato nella tarda serata di ieri.

Quasi 15 mila i commenti, tutti molto critici.

Si scopre anche che la mamma della studentessa è stata una delle maggiori simpatizzanti delle «magliette rosse» pro migranti, e che il padre è consigliere circoscrizionale del PD.

Sotto le sue dichiarazioni postate su facebook.

loading...

Check Also

“Ma di che parli? Ma proprio tu?”. Morani, anche oggi una figura di merda: il solito massacro in diretta tv

Alessia Morani e Alberto Gusmeroli si scontrano sulla norma che fissa la responsabilità delle banche Popolari Vicenza e Veneto Banca al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *