Home / NEWS / 30 migranti tutti giù dal treno, uno cerca di risalire, la capotreno: “Non ci provare, ti tiro giù a calci in c..o”

30 migranti tutti giù dal treno, uno cerca di risalire, la capotreno: “Non ci provare, ti tiro giù a calci in c..o”

Più di trenta stranieri a bordo, senza biglietto. La capotreno inflessibile, che li fa scendere tutti. Ferma, ma professionale. Parla anche in inglese nel caso qualcuno dei suoi interlocutori non capisca l’italiano. Il video registrato a bordo del convoglio in viaggio fra Villamassargia e Cagliari (convoglio delle 7,40) sta girando molto sul web.

Una collega di Trenord nei mesi scorsi è finita al centro di una bufera mediatica perché dall’altoparlante aveva insultati “gli zingari” invitandoli a non rompere i “cogl..ni”. Al suo fianco si è subito schierato il ministro dell’Interno Matteo Salvini. In Sardegna, però, lo scenario è completamente diverso. La capotreno è determinata, ma usa modi educati e professionali. È evidente che sia stufa di dover combattere quotidianamente con passeggeri senza biglietto (“Ti ho già fatto scendere prima”, dice a uno), ma con piglio deciso sgombera il vagone e fa alzare tutti i “portoghesi”. A un giovane dice: “Tu puoi lavorare per pagare il biglietto”. Uno chiede se per favore possono restare su: “Se faccio il favore a te lo devo fare a tutti”. A una mamma con il bimbo in braccio spiega: “Dagli il buon esempio, i servizi si pagano”. E a tutti: “Se avete il biglietto siete i benvenuti”. Solo alla fine si lascia andare, quando uno degli “sgomberati”, fatto scendere in banchina, tenta di risalire: “Non ci provare, ti tiro giù a calci in c..o”.

loading...

Check Also

Giordano schifato dalla propaganda che usa i due ragazzini del bus: “Portati in giro come madonne pellegrine e sbattuti sulle prima pagine dei giornali, per farne strumenti di una sfida politica che piace alla gente che piace”

Mario Giordano per “la Verità” Liberate quei due ragazzini. Temo che siano di nuovo ostaggi. Rami …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *