Home / NEWS / Attentato in Trentino! Bomba contro la sede della Lega che oggi ospiterà Salvini

Attentato in Trentino! Bomba contro la sede della Lega che oggi ospiterà Salvini

Attentato alla sede della Lega Trentino ad Ala nella notte.

Erano circa le due del mattino quando un boato ha svegliato i cittadini del paese.

Le vetrine della sede, che oggi avrebbe dovuto ospitare il ministro dell’interno Matteo Salvini, sono andate in mille pezzi.

Molta la paura per i residenti che stavano dormendo nello stesso palazzo dove è ubicata la sede della Lega Trentino.

Proprio sopra alla sede ci sono due famiglie con bambini piccoli.

Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza la zona e le forze dell’ordine che dopo i rilievi hanno subito cominciato le indagini.

Si tratterebbe, secondo le prime indiscrezioni, di un oggetto artigianale.

Le caratteristiche dell’attentato eseguito in concomitanza con l’arrivo oggi di Matteo Salvini che parlerà stasera alle 20.45 in un comizio pubblico nella piazza di Ala, e l’avvicinarsi delle elezioni provinciali del 21 ottobre, dove la lega è favorita, potrebbero far pensare da un attentato dei soliti «noti» 

Un apporto alle indagini potrebbe comunque arrivare dalle numerose telecamere di  videosorveglianza presenti nell’abitato.  Non si registra, per fortuna, nessun ferito.

Molta invece l’indignazione per quanto successo, da parte dei militanti del partito e dei cittadini di Ala. 

«Ero di sopra ho visto un lampo e un gran botto poi mi sono affacciata e ho visto tanto fumo e una scritta per  terra (foto) poi – dichiara una testimone – poi ho telefonato al 112 e sono arrivati poliziotti in borghese e vigili del fuoco».

Durante le indagini pare che alcuni ragazzini siano arrivati sul posto dicendo che hanno fatto bene a mettere la bomba.

Rimproverati dalle famiglie che sono scese in strada hanno però poi chiesto scusa.

Le indagini sul posto sono andate avanti fino alle 5 del mattino. Pare che gli investigatori siano vicino alla soluzione del caso.

Ci sono già delle persone fermate ed identificate. 

loading...

Check Also

PENSANO AI GAY E NON AGLI OPERAI: la colossale bastonata di Prodi al PD censurata dai giornaloni

Invece di dire le ovvietà propagandistiche che il Partito democratico si aspettava, Romano Prodi ha spiegato il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *