Home / NEWS / Il vergognoso attacco di Piero Angela al governo in diretta sulla Rai: cosa il vecchio massone si è permesso di dire

Il vergognoso attacco di Piero Angela al governo in diretta sulla Rai: cosa il vecchio massone si è permesso di dire

Piero Angela contro il Governo: “È grave che lo Stato crei debito e faccia alzare lo spread”

Piero Angela nel corso dell’intervista con Massimo Gramellini nella trasmissione di Rai 3 “Le parole della settimana”

“La nostra produttività, che è l’efficienza di un Paese, è ferma da 15 anni. La politica deve distribuire equamente la ricchezza e fare in modo che il Paese ne produca. E’ la partita doppia delle entrate e delle uscite, è un ragionamento che fa ogni famiglia, che non lo faccia lo Stato creando questo debito pubblico e soprattutto questo spread che ci porta via decine di miliardi di interessi è molto grave”. Così è intervento Piero Angela nel corso dell’intervista con Massimo Gramellini di questa sera che ha aperto la terza stagione de “Le parole della settimana” in onda su Rai3.


Il padre di Piero Angela fu uno dei più importanti massoni italiani del ’900

Si chiamava Carlo il padre di quel Piero Angela che è oggi celeberrimo nelle vesti di divulgatore scientifico.
Quel che si vuol qui brevemente esporre è l’appartenenza di Carlo Angela all’obbedienza massonica del Grande Oriente d’Italia.
Per quanto riguarda la carriera accademica, lavorativa e politica di Carlo Angela rimando ad alcuni riferimenti bibliografici presenti in nota.[1]

Nel link che segue è contenuto un articolo apparso sulla rivista “L’Acacia Massonica” [settembre 1947, anno III, n° 7, p. 196]: http://www.libertini737.it/public/allegati/Carlo Angela.pdf

Cito dall’articolo: “Il 3 giugno 1949 è passato all’Oriente eterno il carissimo Fratello dott. prof. Carlo Angela, Venerabile Onorario della Loggia Propaganda all’Oriente di Torino”

La Loggia Propaganda è una loggia storica del Grande Oriente d’Italia. Dopo la proclamazione dello Stato unitario, era sorta l’esigenza, da parte del G.O.I., di salvaguardare l’identità degli affiliati più in vista, anche all’interno dell’organizzazione. Per tale motivo, l’adesione di quest’ultimi era nota al solo Gran maestro, risultandogli come iniziazione “all’orecchio”. Nel 1877 il Gran maestro Giuseppe Mazzoni, iniziò a stilarne un elenco denominato Propaganda massonica, costituendo ufficialmente la loggia in questione. Adriano Lemmi (Gran maestro dal 1885 al 1895), era stato iniziato alla loggia “Propaganda” già nel 1877, e contribuì a darle prestigio, riunendo al suo interno deputati, senatori, banchieri. [Fonte]

Tra gli iniziati o affiliati più famosi della loggia Propaganda Massonica della fine del secolo XIX si ricordano: Agostino Bertani (1883), Giosuè Carducci (1886), Luigi Catellazzo (1888), Giuseppe Ceneri (1885), Giuseppe Aurelio Costanzo (1889) Francesco Crispi (1880) Nicola Fabrizi Camillo Finocchiaro Aprile, Menotti Garibaldi, Pietro Lacava, Ernesto Nathan (1893) Aurelio Saffi (1885), Gaetanp Tacconi (1885), Giuseppe Zanardelli, (1889). [Fonte]

come potete verificare qui di seguito la loggia Propaganda esiste ancora: http://www.grandeoriente.it/logge/piemonte.aspx

Torniamo a Carlo Angela, citando ancora l’articolo apparso sull’Acacia Massonica del settembre 1949 in merito alla sua scomparsa:

“Il Fr:. Angela, 33° del Rito Scozzese Antico ed Accettato era entrato nella fratellanza nel 1905 e pervenne ai più alti gradi del nostro sodalizio in virtù del suo carattere adamantino…”

cito ora il passo relativo al funerale secondo rito massonico:

“A cremazione avvenuta le ceneri sono state trasportate a San Germano Vercellese a cura dei Fratelli di Loggia. Il rito massonico s’è svolto nella tornata regolare dell’8 Giugno della R. Loggia Propaganda. Il Tempio, parato ritualmente a lutto, ha offerto una commovente visione che ha marcato il grande e fraterno amore del quale era circondato il fratello commemorato. Dopo la deposizione di una corona di fiori ed un’elevata rievocazione dell’Estinto fatta dall’attuale M. Venerabile, i fratelli hanno ricomposto la catena d’unione e continuato i lavori”

Qui il link in cui è contenuto l’articolo del 1949, pagina 3: http://www.libertini737.it/public/allegati/Carlo Angela.pdf

loading...

Check Also

FINALMENTE BOERI FUORI DALLE BALLE! Il galoppino rosso del PD sta raccogliendo gli stracci e dovrà iniziare a cercarsi un lavoro vero

Lega pronta a cambiare l’Inps: “Boeri? Basta con il padre padrone” Nuovo braccio di ferro …

Un commento

  1. ce ne sbatte il cazzo delle vostre paranoie massoniche, lasciate in pace piero angela IDIOTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *