Home / NEWS / Carrara, operaio muore colpito da un blocco di marmo: “Aveva un contratto di 6 giorni”

Carrara, operaio muore colpito da un blocco di marmo: “Aveva un contratto di 6 giorni”

L’operatore si chiamava Luca Savio e aveva 37 anni. Il sindaco: “Prezzo troppo alto per qualsiasi città che si voglia definire civile”. In Toscana è emergenza “morti bianche” (18 da gennaio) nonostante la task-force avviata dalla Regione da due anni. Il sindacato: “Si parla di voucher e dovremmo domandarci se con un mini-contratto così sia stata ricevuta la corretta formazione sulla sicurezza”

Un operaio è morto in un deposito di marmi a Marina di Carrara dopo essere stato colpito da un blocco di marmo. Si chiamava Luca Savio e aveva 37 anni: lascia la moglie e una figlia piccola. Secondo la Cgil stava lavorando con un contratto di 6 giorni. Secondo una statistica del Tirreno, si tratta della 18esima vittima sul lavoro in Toscana, tanto che il sindacato parla di “strage di lavoratori“, nonostante la task-force della Regione. Tra l’altro solo due mesi fa in questa stessa zona era avvenuto un altro incidente sul lavoro: l’11 maggio aveva perso la vita un cavatore di 58 anni a Fantiscritti. “Quello che sta pagando il mondo del marmo in termini di vite umane è un prezzo troppo alto, insostenibile per qualsiasi città che si voglia definire civile” dice il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale (M5s).

Le indagini per ricostruire le dinamiche dell’incidente sono ancora in corso. Secondo una prima ricostruzione Savio stava lavorando intorno ad un blocco di marmo in un deposito vicino al portoche improvvisamente lo ha colpito mentre lo stava movimentando”. Quando la notizia della morte dell’operaio si è diffusa “tutti i cavatori che hanno immediatamente abbandonato il lavoro – si legge in una nota della Cgil – e così hanno fatto tanti lavoratori del piano del settore lapideo”. Chi ha lavorato, invece, lo ha fatto per donare lo stipendio della giornata alla famiglia dell’operaio. La tragedia di oggi, sottolinea il sindacato, “è indice di fallimento di tutta la nostra comunità”. La Cgil insiste: “La nostra posizione è sempre la stessa: le imprese che non rispettano le leggi e le regole in materia di salute e sicurezza sul lavoro devono essere chiuse. Inoltre tutti gli attori coinvolti devono riflettere sull’opportunità di consorziare le piccole imprese in maniera tale da avere più garanzie e tutele per lavoratori e lavoratrici”.

L’operaio, spiega la Cgil, aveva firmato il contratto il 6 luglio, ma aveva iniziato a lavorare il 9 luglio, della durata di soli sei giorni. Un giovane lavoratore ha perso la vita per un contratto di lavoro di soli 6 giorni”. “Mentre il dibattito politico ruota intorno all’estensione dei voucher, dovremmo domandarci se questo lavoratore, con un contratto di pochi giorni, abbia ricevuto la corretta formazione sulla sicurezza nel lavoro oppure se questa formula e la conseguente precarietà non sia all’origine dell’infortunio mortale” interviene il segretario della Cgil Toscana con delega alla sicurezza nei luoghi di lavoro Mauro Fuso.

L’assessora alla Salute della Regione Toscana, Stefania Saccardiricorda che “in questi ultimi anni abbiamo messo in campo interventi concreti. Ma evidentemente tutto questo non è ancora sufficiente. Per migliorare la sicurezza nelle cave e nel settore del marmo è necessaria una stretta collaborazione tra lavoratori e datori di lavoro, una vera alleanza tra tutte le figure dell’impresa. E i controlli devono essere assidui e costanti”. Nel maggio 2016 la Regione ha approvato il Piano biennale straordinario per la lavorazione del marmo che prevede numerosi interventi: il potenziamento dei controlli finalizzati alla riduzione del rischio, l’elaborazione di procedure di lavoro e di relative misure di prevenzione nell’organizzazione della sicurezza e la segnalazione al Ministero competente delle eventuali non conformità rilevate.  L’investimento complessivo, per l’acquisizione di nuovo personale – tecnici di prevenzione, ingegneri, geologi – e di attrezzature – fuoristrada, auto, computer, macchine fotografiche – è stato di 3.250.000 euro. Il Piano che si sarebbe dovuto concludere nel maggio 2018, è stato prorogato fino al maggio 2020.

Solidarietà e cordoglio arrivano anche dal presidente della Cei Gualtiero Bassetti: “Purtroppo, nonostante le grandi grida e le grandi promesse, io stesso ho constatato che in certi ambienti di lavoro, perché le giro le fabbriche, e prima le giravo ancora di più, spesso mancano gli elementi essenziali della garanzia – dice il capo dei vescovi – Raccomandiamo veramente che tutti i sistemi di sicurezza che sono necessari vengano rigorosamente applicati”.

loading...

Check Also

“Uno leggeva, l’altro scriveva” Di Maio e Conte sputtanati: ma quale manina, Salvini a valanga

Matteo Salvini non nasconde un po’ di preoccupazione, ma soprattutto insofferenza dopo l’uscita di Luigi Di Maio a Porta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *