Home / NEWS / Aquarius, dall’attico di New York potevano mancare le farneticazioni di Roberto Saviano? Cosa arriva a dire il celebre campione del copiaeincolla

Aquarius, dall’attico di New York potevano mancare le farneticazioni di Roberto Saviano? Cosa arriva a dire il celebre campione del copiaeincolla

Razzisti, non vi daremo tregua

Combatteremo ogni giorno contro chi ha voluto perdere la sua umanità, contro chi parla di “taxi del mare”, contro chi lascia in mezzo al Mediterraneo i migranti

di Roberto Saviano per L’Espresso

Che pacchia nascere in Africa. Che pacchia sacrificare tutto e fare debiti per provare ad avere un futuro migliore, nella speranza di poter aiutare la famiglia che intanto resta lì perché numerosa, piena di donne, anziani e bambini che non potrebbero affrontare gli stenti di un viaggio lungo e faticoso. Che pacchia attraversare l’Africa, che pacchia viaggiare stipati su mezzi che potrebbero trasportare dieci persone ma che invece ne trasportano cinquanta. Che pacchia senza cibo, con poca acqua. Che pacchia essere nel pieno degli anni e sentirsi spossati, stanchi, affaticati. E che pacchia avere, nonostante tutto, ancora speranza. Che pacchia arrivare in Libia, che pacchia provare a non restare intrappolato in un campo profughi. Che pacchia cercare in ogni modo di non diventare merce di scambio tra gli aguzzini affamati di denaro e le famiglie rimaste in patria che, per aiutare chi sta fuggendo in Europa, fanno debiti che ripagheranno con anni e anni di lavoro.

Che pacchia comprare un posto su un gommone. Che pacchia passare ore e ore in mare. In mare calmo, in mare agitato. In mare caldo e accecante durante il giorno, in mare freddo e nero nella notte. Che pacchia essere schiacciati, compressi, insieme ad altre cento persone su imbarcazioni che prendono acqua. Che pacchia stare al centro, dove manca l’aria. Che pacchia stare seduti sui bordi, gambe penzolanti, addormentate, formicolanti e ghiacciate. Che pacchia essere bambini e vivere questo inferno. Che pacchia essere madri o padri e sentirsi responsabili di aver portato quanto di più prezioso hai al mondo in una situazione di estremo pericolo. Che pacchia quando il gommone non regge più, che pacchia quando sta per affondare.

Che pacchia quando tra Malta, Italia e resto d’Europa si tenta di scaricare la responsabilità su altri e allontanarle da sé. Che pacchia quando, per prestare soccorso, si impedisce l’intervento delle Ong, i cosiddetti «taxi del mare» (copyright Luigi Di Maio), i cosiddetti «vicescafisti» (copyright Matteo Salvini) ma si dà luce verde alla Guardia costiera libica, loro sì in combutta con i trafficanti di esseri umani (fonte Onu), in virtù di un accordo infame siglato con l’Italia. Che pacchia quando si trasmettono in tv video delle operazioni della guardia costiera libica e si tagliano proprio i minuti in cui i militari picchiano i migranti, sparano verso le imbarcazioni e minacciano il personale delle Ong. Che pacchia quando non arriva nessuno a prestare soccorso e l’imbarcazione si inabissa, portando con sé i corpi ormai di chi ha sopportato la separazione dalla famiglia, l’allontanamento dalla terra, il viaggio nel deserto, la denutrizione, le percosse, le torture in Libia, stupri e violenze di ogni tipo. Pensateci, cazzo, che pacchia.

E che pacchia quando va meglio, quando la Marina militare italiana dà l’ok e i “taxi del mare” possono iniziare le operazioni di salvataggio. Che pacchia poi, una volta saliti sui “taxi del mare”, pensare che le ore di navigazione saranno le uniche in cui sarà possibile, forse, tirare un respiro di sollievo. Magari dormire. Magari sperare che le dolorose piaghe sui piedi nudi, che all’asciutto si sono spaccati dopo essere stati tanto tempo in acqua, siano il peggio che possa succedere. E che pacchia, perché il peggio non sono i piedi spaccati, non è la denutrizione, non la mancanza di sonno e nemmeno la preoccupazione per i compagni di viaggio morti o dispersi. Il peggio verrà in Italia. In quella terra nota per la sua accoglienza. Dove la pacchia arriva di notte, di sabato notte, mentre aiuti dei compagni di pacchia a procurarsi lamiere per un rifugio che possa resistere alle fiamme. La pacchia arriva in un attimo. La pacchia è un proiettile.

Soumayla Sacko è morto così. Aveva un regolare permesso di soggiorno. Non oso immaginare quale sarà la pacchia (minacciata) per chi il permesso non ce l’ha. Quello che so con certezza e che non vi daremo tregua e vi faremo rimpiangere il giorno in cui per egoismo, interesse e cattiveria avete deciso – perché lo avete deciso – di diventare razzisti.

loading...

Check Also

Benetton e Toscani senza vergogna! usano i migranti per vendere le magliette che fanno produrre dagli schiavi nel terzo mondo

Una doppia pagina, senza alcun commento. Solo la foto di un gommone con a bordo decine di …

5 comments

  1. Non ho capito quale lavoro verrebbero a fare per ripagare i debiti di viaggio…… ma ae sono tutti spiaggiati al bar tutto il giorno a chiacchierare fra loro?????

  2. Saviano.. quanti soldi hai fatto con le tue stronzate?

  3. solo insulti sapete dire, me ne frego vaffanculo..ricordate tanto i fascisti..saviano non e’ certo un imbecille e stronzate non ne dice, ecco perche’ e’ scomodo! la legge del mare ve la siete dimenticata? e ci pensate, oltre a pludire questa vergognosa decisione di “purtoppo minisstro dell’interno salvini” che fine fara’ l’italia? o pensate che fara’ miracoli per il benestare della cittadinanza italiana? solo di quella, mi raccomando! i migranti sono tutti delinquenti che ci portano via il lavoro e le case! ma quanto tempo e’ che viviaamo in unaa situazione di degrado sociale, disoccupazione, debito pubblico, pensa davvero salvini con quel suo fare arrogaante e autoritario, seguito dal ligio Di maggio che da bravo 5 stelle e’ incompetente su tutto e va dove lo porta il vento? un vnto di razzismo e fascismo…credo vi pentirete di aver scelto questa gentaglia, maa io non la ho scelta, io no!

    • Giuliano l'apostata

      E posso assicurarti che finora voi solo e solo voi avete parlato di fascismo , quando i veri meri e puri fas. cisti siete voi, che non accettate il modo di pensare e di agire delle persone che non si accodano al vostro coercitivo pensiero.Voi dite che l’Italia farà una brutta fine, la decisione non è stat vergognosa , ma richiesta dagli Italiani che stanchi di eleggere , leccaculo ha deciso di eleggere persone che pensano prima al loro popolo. Su Saviano , l’illetterato, scrittore di copia incolla, perchè non sa fare altro, è meglio stendere un velo pietoso, visto che ci tiene tanto , vada in quei paesi , da dove questa gente parte , e se ne stia usque ad mortem , a piangerlo si conteranno sulle dita di una mano. Saviano dici non è un imbecille, per te, sicuro, ma anche gli altri hanno diritto di pensarla diversamente da lei, e considerarlo uno che ha avuto la furbata di scrivere con il correttore del computer un libro? e poi in base a questo a chiedere addirittura la scorta . Ma che vada a farsi fottere. Lia Cerè , perchè non ospiti insieme al Saviano un bel pò di quella gente, mantenendola con i propri soldi, senza chiedere l’aiuto degli Italiano onesrti che già non ce la fanno ad arrivare a fine mese. Ed infine , vorrei chiudere rivolgendole la sua stessa apertura del post . Sapete dire solo fascisti, sapete solo offendere gli Italiani dico anch’io vaffanculo. La legge del mare va rispettata qualora c’è un imbarcazione in difficoltà , ma la legge del mare non dice di andare a prendere l’imbarcazione a poche migliadal porto o spiaggia dalla quale è partita. La legge del mare dice che prima di entrare in acque teritoriali bisogna dichiarare il nome dell’imbarcazione e dell’equipaggio intero. Costoro stranno facendo soldi a palate, insieme alle onc(oraganizzazioni non controllate).

  4. Grazie Roberto…cosa facciamo ora per fermare questa situazione cos’ pericolosa? aiutaci!
    perche’ il razzismo e’ dilagato tanto, perche’ l’ignoranza aumenta, perche’, noi che al governo dei fasci non li abbiamo voluti, come non dargli tregua? e’ bello sentire la tua voce, ma tutti quelli che sono contro devono parlare, tutti! aiutateci a far sentire il nostro dissenso, noi non vogliamo fascisti al governo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *