Home / NEWS / 25enne pakistana sgozzata da papà e fratello: cosa ha ‘osato’ fare contro le tradizioni medievali di famiglia

25enne pakistana sgozzata da papà e fratello: cosa ha ‘osato’ fare contro le tradizioni medievali di famiglia

Sgozzata dai suoi famigliari perché aveva scelto di sposarsi con un uomo italiano. È la tragica storia di Sana Cheema, 25 enne pakistana ma cresciuta a Brescia, assassinata negli scorsi giorni a Gujrat, la città dove era nata. Responsabili del delitto sono il padre e il fratello, subito arrestati dalle autorità giudiziarie e ora in carcere. Gli stessi uomini sino a poco tempo fa vivevano nella città lombarda, successivamente si erano spostati in Germania in cerca di un futuro migliore.

Sana no, dopo aver completato gli studi a Brescia, aveva trovato lavoro in un’attività commerciale nella zona popolare di via Milano. Una bella ragazza, solare e con un fidanzato italiano. Sarebbe stata proprio questa la causa dell’omicidio, la trasgressione di una regola ferrea della cultura pakistana, dove il promesso sposo viene scelto dai parenti.

L’esecuzione di Sana Cheema ricorda quella di Hina Saleem, la ventenne pakistana barbaramente assassinata nell’agosto 2006 a Sarezzo, sempre nel Bresciano. Hina come Sana aveva un fidanzato italiano e vestiva troppo all’occidentale. Per quell’efferato delitto furono condannati il padre, lo zio e due cugini, accusati di aver sgozzato la giovane e seppellita in giardino con la testa rivolta verso la Mecca. Per i “delitti d’onore” sono oltre mille le donne che all’anno muoiono in Pakistan.

loading...

Check Also

CASA IN CENTRO A ROMA A SPESE DEGLI ITALIANI: Cinquestelle, l’osceno scandalo della ex ministra Trenta

Dopo il test fallito per entrare nei servizi segreti, Elisabetta Trenta viene travolta da un nuovo scandalo. …

Un commento

  1. Tutti a casa loro,rispettiamo:gli STATI UNITI D’ AMERICA-GLI STATI UNITI D’ EUROPA – E GLI STATI UNITI D’ AFRICA,E DOVESERO VENIRE PER MOTIVI DI LAVORO BEN VENUTI,ma nel fratempo emaniamo leggi speciali e che entrino con regolari contratti di lavoro,e che rispettino il paese che li ospitano,senza parlare che vogliono moschee ed altro.
    Nel fratempo,fuori dal EURO,fuori dalla EUROPA,fuori tutti gli africani non aventi diritti di asilo,fuori tutti i clandestini,e senza un se e senza un ma tutte le frontiere siano rimesse al posto di un tempo.-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *