Home / BENESSERE / “Le donne che indossano stivali sono poco sincere, mentre quelle con i tacchi a spillo sono…” l’incredibile studio del “Journal Research in Psychology and Personality”

“Le donne che indossano stivali sono poco sincere, mentre quelle con i tacchi a spillo sono…” l’incredibile studio del “Journal Research in Psychology and Personality”

Melania Rizzoli per “Libero quotidiano”

Le scarpe non sono solo un semplice dettaglio del nostro guardaroba, perché rivelano informazioni precise sulla nostra identità personale. La prima impressione, quando si conosce una persona, viene in genere costruita sull’ aspetto esteriore, e noi tendiamo ad elaborare quello che vediamo nella sua complessità, ma appena posiamo lo sguardo sulle scarpe che quella persona indossa, in quel preciso momento abbiamo subito chiaro il test sulla sua personalità.

Le scarpe infatti, raccontano di noi più di quello che esprimiamo con l’ abbigliamento, con l’ acconciatura, con il trucco, con i gesti e le parole, e pur essendo solo un particolare del nostro aspetto, hanno insita una loro psicologia, e sono fonti di sottili ma determinanti informazioni per chi le osserva.

Non a caso la scienza ha da tempo dedicato il suo interesse a questo prodotto industriale o artigianale, indagandone i vari aspetti e significati, come l’ influenza della forma e del colore sull’ umore, o la gratificazione che regala un modello particolare, ma soprattutto è stato approfondito come le scarpe contribuiscano d’ impatto alla formazione di pregiudizi e stereotipi, poi difficilmente modificabili.

LO STUDIO Uno studio condotto dai ricercatori dell’ Università del Kansas negli Stati Uniti, e pubblicato sul Journal Research in Psychology and Personality, ha infatti messo in luce come la prima impressione venga influenzata appunto dalle calzature, e come esse siano determinanti nella formazione della nostra opinione e ci permettano di capire immediatamente chi abbiamo davanti, anche in assenza di altre informazioni, poiché, sulla base di come sono vestiti i suoi piedi, ci costruiamo un giudizio abbastanza accurato su quell’ individuo.

Pur nella moltitudine e nella grande varietà di modelli, di stili, di marche, di look e di funzioni oggi a disposizione, questo accessorio riesce a veicolare un numero elevato di caratteristiche così precise da poterne ricavare un perfetto profilo psicologico di chi le sceglie, senza necessità di approfondire altri dettagli.

Lo studio infatti, ha coinvolto due gruppi di partecipanti, ed i soggetti del primo gruppo hanno fornito fotografie delle proprie scarpe, più o meno usate e consumate, mentre il secondo gruppo è stato invitato ad esprimere le loro impressioni relative ai proprietari delle scarpe, basandosi esclusivamente sulle immagini fornite delle loro calzature. I risultati hanno dimostrato che gli osservatori hanno saputo attribuire senza deficit di approssimazione tutta una serie di indicazioni sui soggetti del primo gruppo, come genere, reddito, tratti della personalità, estroversione, introversione, stabilità emotiva, apertura, modalità di stabilire relazioni, ed addirittura inclinazione politica, liberale o conservatrice, basandosi esclusivamente sul tipo di scarpe osservate.

POCO SINCERE In particolare è emerso che le calzature più alte come gli stivali, sono state collegate a persone poco sincere, che vogliono coprire difetti delle gambe o nascondere lacune di cultura o della personalità, e sono state giudicate più aggressive e meno gradevoli rispetto a coloro che calzano scarpe meno coprenti, più funzionali e pratiche.

Quelli che invece vestono i loro piedi con mocassini o sandali sempre nuovi di zecca o in perfette condizioni, sono stati considerati insicuri nei rapporti, e preoccupati di fare una buona impressione con gli altri. Inoltre, più la scarpa è costosa, scomoda e con marchio visibile, tanto meno piacevole è immaginato l’ indossatore, giudicato senza classe o charme, se non addirittura cafone o volgare. I colori brillanti, il basso livello di comfort ed i tacchi a spillo sono stati definiti rivelatori di tratti caratteriali legati alla sessualità, mentre un aspetto molto consumato è stato collegato all’ estroversione od alla scarsa considerazione di sè. I ricercatori si sono poi allargati alle interpretazione dei risultati raccolti, ritenendo chi indossa punte e tacchi alti come trampoli, come persone meno stabili emotivamente rispetto a chi predilige forme tondeggianti e più morbide, anche se queste ipotesi non sono state in seguito validate dal relativo test di personalità.

Calzature poco attraenti, economiche e piatte sono state ritenute pertinenti ad un’ ideologia di politica liberale e di sinistra, ma anche in questo caso è stata sottolineata una interferenza non comprovata dai fatti, e più rivelatrice di uno stato sociale, di una carenza culturale o di ignoranza in fatto di moda o di eleganza. Una cosa comunque è risultata certa, cioè che le scarpe comuni, dozzinali, informi e noiose sono portate da persone non inclini ad esprimere emozioni e indifferenti al giudizio degli altri.

Insomma le scarpe che portiamo rivelano molto del nostro modo di essere, sono una dichiarazione involontaria di noi stessi, un segnale non verbale del nostro carattere, ed hanno il potere di influenzare l’ immaginario di chi le osserva e che attraverso esse ci giudica e condiziona il suo stato d’ animo nei nostri confronti. Il potere del nostro aspetto non può essere mai sottovalutato, ma quello delle nostre scarpe, a quanto pare, supera l’ infinità di cose con le quali ci copriamo, ci travestiamo o decoriamo il corpo, ed esse hanno oltre che un significato ben preciso, anche un fascino irresistibile che dal terreno si eleva e si fonde con la nostra personalità, rappresentando l’ accessorio che più tra tutti riesce a definirci immediatamente, a sottolineare il nostro stile e ad esprimere le caratteristiche principali del nostro carattere.

Molti uomini sottovalutano il potere delle scarpe che indossano, ignorando che le stesse raccontano pubblicamente tutto di loro, ed anche se la nostra prima opinione non si limita soltanto all’ outfit dei piedi, quell’ aspetto esteriore è capace da solo di influenzare in maniera esplicita la nostra attrazione o il nostro interesse verso di loro, di condizionare il concetto di fascino, e conseguentemente la nostra fiducia o sfiducia, poiché il potere di un bel paio di scarpe maschili portate con eleganza, nell’ immaginario femminile risulta illimitato, si estende anche ai piedi in esse custoditi, ed è spesso sorprendente nello sviluppo dei sentimenti futuri verso quella persona.

LA SEDUZIONE Noi donne inoltre, sappiamo bene che un bel paio di décolleté indossati, con una linea che mette in risalto le nostre gambe, è in grado di influenzare anche il nostro stato d’ animo e condizionare la nostra giornata, ed i tacchi alti che adoriamo non sono soltanto il nostro mezzo migliore di seduzione, o la nostra carta di identità, ma sono tacchi in grado di elevarci non in termini di centimetri, ma di pensieri, di animo e di spirito, rendendoci delle equilibriste in grado di muoverci libere e sicure tra sogni, fantasie, e realtà; perché sui tacchi noi donne siamo slanciate verso l’ alto dei desideri, pronte a spiccare il volo e proiettate a muoverci meravigliosamente anche nelle situazioni più difficili, perché su di loro non camminiamo solo a qualche centimetro da terra, ma calpestiamo ed infilziamo una ad una tutte le insicurezze della vita.

loading...

Check Also

DAI POMODORI ALLE UOVA ECCO I 10 ALIMENTI CHE NON DOVRESTI TENERE MAI IN FRIGO

Da “www.today.it” Ecco i 10 alimenti che non dovresti mai conservare in frigo: Pomodori se è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *